Quando lui buca i preservativi per metterti incinta

Quando il corpo diventa un’incubatrice a propria insaputa, quando il corpo viene sovradeterminato e usato dalla volontà altrui, quando il corpo è oggetto e non soggetto di carne di un’esistenza, di un volere, di una identità fisica nel mondo.

Al di là del Buco

Lei scrive:

Vorrei proporre una riflessione sulla ragazza vittima di stealthing che ha scritto alla pagina. Mi riferisco alla ragazza il cui partner sessuale ha bucato i preservativi ingannandola, e che ora si ritrova a 19 anni con una gravidanza non voluta.

View original post 732 altre parole

CORPO ESPULSIVO

Il testo fa riferimento al corpo della donna biologica o che ha subito un’operazione di riassegnazione del sesso, non per discriminare alcuna altra narrazione vivente, ma semplicemente perché nel testo si fa riferimento a precise dinamiche e condizioni fisiche e biologiche.

Un corpo che accoglie, quello della donna. Anche quando non vuole.
Un corpo che accoglie, per poi donare dal nulla, figl* al mondo.
Un corpo che accoglie la sessualità dell’Altro. Anche quando non vuole.
Un corpo che accoglie testimonianze, lamentele, abbracci e baci non richiesti, genitali non suoi e non voluti, parole a fiume dentro le orecchie spinteci a forza. Anche quando non vuole.
Un corpo che usa un linguaggio comprensibile, feroce nell’immediatezza, eppure costantemente frainteso, rimasto inascoltato, riempito di ogni sovradeterminazione possibile.

L’accoglienza è donna, questo potrebbe essere un aforisma, se non fosse già uno stereotipo misogino, eteropatriarcale e non corrispondente al vero.
Il lavoro di cura è quasi ed esclusivamente svolto globalmente dalle donne, anche se negli ultimi anni si è notata un’apertura nei confronti di una accettazione degli uomini (biologici e non) in questo ambito. Per fortuna, ce n’era un gran bisogno!

Sono una bio-donna e nella vita sono stata obbligata a farmi carico di: lavori domestici, lamentele varie ed eventuali da parte di ogni tipo di persona, confidenze non richieste, carezze.baci.abbracci.palpeggiamenti non graditi e non richiesti ma che l’Altro si sentiva autorizzato magnanimamente a dispensare senza chiedermi il consenso e solo perché gli andava, pratiche sessuali di accoglienza quando non mi corrispondevano in momenti di sessualità improbabile, parenti.amiche.amici.partners.sconosciuti che si sentivano male o non erano in condizione di prendersi cura di se stess*, ed una lunga lista di eccetera.

Si è sempre dato per scontato che il corpo della donna sia nato per accogliere, per ricevere.
Viviamo in una società basata e tarata su questo concetto: l’accoglienza-ricezione della donna, fra l’altro con una certa passività che non scandalizza più nessun*, donne comprese.
L’elenco delle azioni che misurano il grado di passività sono davanti agli occhi di tutt*, e proprio perché sono così evidenti, divengono impossibili da riconoscere.
In ordine sparso: posizioni sessuali (missionario e a 90°, sesso orale e anale in modalità di ricezione fa le pratiche sessuali più diffuse e conosciute di sempre); posizioni e strumenti imposti durante le visite mediche (ginecologiche in primis) e posizioni imposte durante il travaglio ed il parto.

1
Foto di Ramona Zordini

Credo ci sia stato, e ci sia ancora oggi, un tremendo malinteso che riguarda il corpo della donna. Questo malinteso si è dato probabilmente da una mera lettura del numero di orifizi capaci di accogliere il corpo dell’Altro e non sulla lettura di ciò che il corpo della donna fa costantemente, ovvero espellere. Mi riferisco ai liquidi, signore e signori.
Il corpo di un uomo espelle lacrime, urina, feci, liquido seminale e prostatico. Il corpo di una donna espelle lacrime, urina, feci, liquido prostatico, mestruo, ma anche latte materno, il nascituro o il feto, a seconda dei casi e delle scelte.
Qui la matematica è semplice. L’espulsività del corpo della donna è evidente.
Tutta l’accoglienza che si va narrando e mitologizzando da millenni, è basata quindi non su una lettura reale del corpo della donna, quanto sul numero di cavità del corpo nelle quali l’Altro può entrare per trovare piacere e godimento.
Se l’accoglienza-ricezione è misurabile in base alle cavità e non in base ai liquidi (che spesso sono stati nascosti in quasi tutto il corso della storia della Medicina, si veda liquido prostatico femminile), allora possiamo dire che mani e piedi uniti, seni, inguini (si veda, fra le altre, la pratica masturbatoria chiamata Muffing) sono tutte potenziali cavità in cui trovare piacere, e queste cavità sono ricreabili in tutti i tipi di corpi umani.

Un ‘esperienza poco gradevole ma neppure così drammatica è quando una donna si ritrova, per una ragione o per l’altra, a dover utilizzare ovuli vaginali: la risposta del corpo è chiara, e non è una risposta di accoglienza. Il corpo scioglie ed espelle il più rapidamente possibile ciò che è entrato, per tornare ad una condizione normale.

Ramona-Zordini-6
Foto di Ramona Zordini

Perché scrivere di questo? Perché questa idea che l’accoglienza-ricezione appartenga alle donne ha delle conseguenze sociali, culturali, fisiche ed emotive enormi e davvero poco felici.
Ho già scritto sopra riguardo all’obbligo di assolvere il lavoro di cura nella stragrande maggioranza dei casi solo per il fatto di essere nate con una vagina e dei lavori domestici imposti da generazioni a bambine solo per il fatto di esserlo, a discapito di essere attività svolgibili da ogni essere umano con il pollice opponibile e mediamente sano.
Una delle questioni che per me sono evidenti è l’esasperazione da contatto: donne sposate, fidanzate o che vivono ogni tipo di relazione, sopportano costantemente baci, abbracci, effusioni, palpeggiamenti non voluti e non richiesti solo perché i o le partners ne hanno voglia. Tanto è una donna, mi accoglie, mi riceve. Io le voglio dimostrare il mio affetto, il mio amore o la mia passione, posso farlo, lo faccio.
Chiaramente non desidero essere io, ora, ad esasperare questa riflessione: non parlo di qualcosa che si desidera da entrambe le parti e dove c’è il completo consenso e la piena gioia nel ricevere tali effusioni, ovviamente, ma di una costante e ripetuta colonizzazione dell’Altro da un punto di vista fisico che non è voluto o richiesto o sopportabile.
Il collegamento che si fa fra donnità e cura, obbliga tantissimi uomini biologici e non (e tutte le altre persone che non si considerano né uomini né donne), a dover rinunciare a lavori che invece potrebbero svolgere al meglio semplicemente perché non hanno il “genere o sesso giusto”.
Sono assolutamente convinta che questa sia una forma doppiamente discriminatoria: nei confronti chi non vuole svolgere lavori e compiti di cura e li svolge sulla base dell’imposizione del sesso o del genere, e nei confronti di chi li vorrebbe svolgere ed è tagliato fuori per le medesime ragioni.

3

Ultimo tema, l’esasperazione da performance.
Un corpo obbligato a rispondere in un certo modo a determinati stimoli sessuali-culturali-emotivi-sociali, ad essere come gli si richiede pena la squalifica sociale-culturale-emotiva-sessuale, non può essere un corpo felice, sano.
Parlo di Corpo obbligato quando parlo di un corpo obbligato ad essere nella norma rispetto a quanto che gli viene richiesto (l’accoglienza obbligatoria e perenne); un corpo obbligato ad esistere dentro le leggi che lo determinano in quanto tale perché deve corrispondere a determinate specificità di risposta; un corpo obbligato a manifestarsi come ci si aspetta, come deve farlo secondo le regole.
Un corpo obbligato è un corpo obbediente, beneducato, indottrinato, addomesticato nel migliore dei modi; è un corpo che non resiste, che non reclama, che non sovverte le regole, che non dà fastidio a nessuno perché è innocuo.
Un corpo obbligato eseguirà gli ordini, da buon soldato quale è, anche a discapito della sua stessa integrità ed incolumità.
Un corpo obbligato è un corpo pericoloso per la felicità, poiché la boicotta, la distrugge, la elimina.
Il corpo obbligato non è più corpo, è involucro di dinamiche che non gli appartengono, è contenitore di regole che lo regolano attraverso una regola non sua.

Un corpo obbligato non è più un corpo.

THIS BODY PROJECT

Quasi cinque anni per cominciare a realizzarlo.
Un’idea che fluttua fra le sinapsi ma che esiste solo nella teoria del mio cervello. Raccogli e metti da parte oggi, scrivi domani.
Questo è un bel giorno per battezzare un nuovo progetto, il THIS BODY PROJECT.
Il TBP nasce come costola di TheQueerWord, nasce al suo interno, come figlio anche se ne è stato padre, o madre, o non so bene cosa.

Il TBP nasce come raccoglitore di storie e narrazioni sul corpo. Quali storie? Quante più possibili.
Corpo femminile, corpo maschile, corpo binario e non-binario, corpo non femminile e non maschile e non corpo, corpo sano e malato, corpo fermo e sempre in movimento.
Ogni corpo una voce, una narrazione, una testimonianza di esistenza.

1
Corpi femminili creano un magnifico mandala 

Attraverso la condivisione di diverse testimonianze, il progetto è pensato per dar voce ai corpi silenziati, non considerati, non visti né uditi. Corpi morti che vivono, corpi vivi che muoiono in angoli di carne e di strada, di dimenticanza.
E ancora: cos’è un corpo? Insieme di sangue, muscoli, organi, ossa, tenuto insieme dalla pelle? Una macchina infallibile che fallisce? Lo strumento attraverso cui si incarna l’anima?

Cos’è il mio corpo? Cos’è il vostro corpo? Cosa sono i nostri corpi? Come si vive un corpo? Come si vive dentro ad un corpo?
Io non lo so, e voi?

2
Corpi d’arte

Ve lo racconto, me lo raccontate. Lo sapremo insieme al termine del progetto?
Forse no, ma ne sarà valsa la pena.
Cominciamo…

Introduzione al seminario “Corpi che non contano, prospettive antispeciste e queer”

A chi appartengono i corpo che non contano? Sono umani? Sono animali? Sono i nostri?
Buona lettura!

AnimALiena

Introduzione al seminario “Corpi che non contano, prospettive antispeciste e queer” – Torino, 28 marzo 2017, Campus Luigi Einaudi. Interventi di Federico Zappino, Marco Reggio e Massimo Filippi.

Buonasera a tutte – sarebbe bello poter aggiungere “le specie”, ma in effetti questo spazio è precluso a tutte le specie animali, esclusa quella umana –  è un piacere e un onore essere qui con voi oggi per introdurre il seminario Corpi che non contano – prospettive antispeciste e queer.

Abbiamo scelto questo luogo – di produzione di sapere, ma anche e soprattutto, di riproduzione di poteri – per tentare di contaminare e hackerare con i nostri contenuti divergenti questa stessa produzione; per neutralizzare, seppure temporaneamente, la riproduzione di quei poteri.

Non è la nostra “prima volta”: questo seminario fa parte di un percorso volto ad approfondire tematiche specifiche e sperimentare la possibilità di una politica delle alleanze capace di superare le affinità…

View original post 1.649 altre parole

Soho

Autopsia su un corpo…. vivo.
Autopsia di una intera generazione di corpi nel vuoto e per il vuoto.

Le viscere dell'Iceberg

Malessere dal Design nuovo

rotoli di pelle tagliata con forbici dalla punta arrotondata

confezionano un corpo vuoto.

Liste senza Schindler

La borsa firmata dal killer

Cicatrici perfette stese con il Profilo del coltello

Segno di un parto

Figlio di Forcipe a cui è sopravvissuto solo un gemello.

Mettere in ordine il genere,

tra onde torbide di colore delle tenebre

e dal sapore cenere.

Sognare la luce con gli occhi marci

chiusi nell’angolo del dolore.

A gemere.

View original post

My Little Heil

Larsen Iceberg è una creatura immensa. Seguite il suo blog, anche solo da adesso. Altamente consigliato. 😉

Le viscere dell'Iceberg

Adoro l’odore di delorazepam al mattino. Una delle poche cose nelle trincee umane che renda l’aria respirabile e commestibile. Il conforto e’ importante, per chi si occupa di corpi da concentramento. Essi sono fatti di ossa e pelle, angoscie redivive che vagano nei reparti. Sanno di un’altra fame, difficilmente comprensibile all’occhio umano ingrigito dallo sferragliamento di reale sui propri sensi, ormai binari e paralleli. Sensi che non si incontrano mai.

Esisteva un’età nella quale mi credevo. Credevo a queste salme e fantasmi mentre li scortavo fuori dai carceri bianchi, galere soffici dai cuscini di porcellana. Ora, mentre guardo gambe incapaci di sostenere il peso del cuore, ho le mani colme di ferro, fruste inflessibili senza sguardo. Manco di pietà mentre scorto carichi di carne e sangue al macero, mentre li benidico nel nome del dolore.

Acqua spoglia da qualsiasi santità, sporcata dall’haldol e altre terribili misure. a mali estremi non…

View original post 119 altre parole

LAST TRANSITION

Goooooooooooooood morning gente!

Peccato non avere la voce di Robin Williams, avrebbe fatto un effetto fighissimo.

Dopo settimane, mesi, decadi, rieccoci sintonizzat* su TheQueerWord per un post fulmineo, senza foto né virtuosismi vari, che chiude una fase della mia vita durata 34 anni, ovvero tutta la mia intera esistenza.

Eravamo arrivat*… dove eravamo arrivat*? Ah sì, al Gendertao della sottoscritta.

Sono molte settimane che ho in mente di scrivere questo post, ma lo scrivo dopo aver atteso che nella mia mente tutto fosse più chiaro e adesso, abbastanza sicura, posso scrivere che la mia stranissima fluttuazione riguardo al genere si può definire conclusa.

Figa l’idea del Gendertao, anche perché fa effetto essere una persona che si conia il tipo di genere al quale appartiene da sola, insomma, non da tirarsela ma fa figo.

Ho decostruito così tanto negli ultimi anni che ormai per me non hanno più significato i termini “maschile” e “femminile”, anche se conosco perfettamente a quali idee le persone normalmente li associano e riesco a sopportarlo ormai in scioltezza senza farmi venire un ictus tutte le volte. Per questo sono passata a parlare di yin e yang molti mesi fa, di maschili e femminili alla maniera occidentale che mi si incontrano dentro e che sono sempre presenti entrambi nello stesso momento dentro la persona che sono.

E poi sono arrivata a decostruire anche il concetto, la struttura, la performance e la sensazione di “genere” fino a non comprendere più per quale ragione dovrei ancora aderire ad una schiavitù costruita, performante e performata. Siamo tutt* d’accordo (vabbè dai, non proprio tutt*!) che il genere è performativo, pura agency.

Ieri mi sono finalmente liberata di un pensiero espresso ad alta voce che è di una banalità storica: il mio genere non vive nel mio corpo, ma nella mente dell’Altro, però non mi riguarda, non è un mio problema, non è più qualcosa di cui desidero occuparmi-preoccuparmi.

Non mi spaventa la sovradeterminazione, l’ho vissuta sempre e la vivo tutt’oggi ma non mi tocca, anche se cerco di non metterla in campo con le altre persone, soprattutto laddove è possibile chiedere con delicatezza ma in maniera esplicita che cosa corrisponde davvero alla persona con la quale mi relaziono.

Se dovessi spiegare cosa sono adesso riguardo alla “faccenda gender”, per chi ama le definizioni a tutti i costi e ce ne sono tante di persone che si sentono al sicuro quando è possibile usarle, potrei dire che sono arrivata a considerarmi una persona agender.

Esco dai giochi, dalle spiegazioni complesse, dalle lotte per trovare altre mille raffinatissime definizioni che non spiegano nulla, dalle logiche perverse del linguaggio, dalle gabbie dorate del riconoscimento e della legittimazione ad esistere anche se…, dalla verticalità del potere di menti che beatificano il gender come priorità assoluta per l’esistenza e la sopravvivenza dell’essere umano.

Dopo che Medea, nella omonima tragedia greca, in preda ad un furia brutale e vendicativa uccide i figli avuti da Giasone suo marito e la sua nuova giovane moglie, il coro le chiede: “Medea, dopo tutto questo cosa resta?” e lei risponde: “Io. Resto io.”.

Dopo tutta questa enorme transizione verso e attraverso il genere, resto io. Una persona, un essere umano.