L’alfabeto segreto del corpo vulnerabile

Felice martedì mattina e ben ritrovat*-e-+i su THE Q WORD!
Oggi torniamo ad occuparci di narrazioni del corpo all’interno del progetto THIS BODY PROJECT e lo facciamo parlandovi della vulnerabilità.
Ci sono animali (umani) più vulnerabili di altri: parliamo delle persone nate con una vagina e obbligate a leggersi come donne e a vivere di conseguenza, quelle che hanno una qualche forma di disabilità, i bambini e le bambine, quelle che soffrono di una malattia cronica o temporanea, quelle che fanno parte di narrazioni non-egemoni (non-binarie, LGBTIA, queer), quelle mestruanti, quelle che non hanno alcuna possibilità di integrarsi nella società perché ritenute inferiori o diverse rispetto ai cittadini e alle cittadine native-i.

corpo
Corpi vulnerabili

Dopo circa un anno dalla pubblicazione in Spagna, ho comprato e cominciato a leggere un libro che sapevo già mi avrebbe portato qualcosa di straordinario nella vita. Il libro si chiama Diario de un cuerpo, l’ha scritto la magnica Erika Irusta e l’ha pubblicato la casa editrice Catedral. Non esiste ancora una versione italiana del libro, ma spero di cuore che arrivi presto.
Il libro racconta di Erika, prima Pedagoga Mestruale al mondo: parla della sua vita dentro a un corpo, una psiche ed una emotività vissute attraverso il prisma dell’ipersensibilità. Erika, come me, è una P.A.S. (persona altamente sensibile, o ipersensibile) e per tutta la sua vita si è sentita vulnerabile. Erika parla anche di come tutte le donne (quelle che lo sono biologicamente fin da subito, tutte le altre donne e femmine lo diventano quando decidono di portarsi nel mondo come tali) siano animali vulnerabili, poiché nate, cresciute, educate e obbligate a vivere all’interno di un sistema (che Erika chiama La Norma) che le distrugge sistematicamente senza conoscerle, amarle, avere cura dei loro elementi e permettergli di vivere appieno la propria vita.

erika
Erika Irusta, autrice di “Diario de un cuerpo”

Ieri, guardando l’ennesimo spot pubblicitario accattivante per promuovere l’ennesima automobile appena sputata fuori dalla fabbrica, ho pensato alle caratteristiche tecniche e agli accessori:

10 altoparlanti
Amplificatore 6×55 W
Autoradio
Bluetooth
Climatizzatore
Comandi vocali
Connessione USB
Connessione dati
Controllo automatico velocità
Hill Descent Control
Hill Start Assist – (ausilio alla partenza in salita)
IDIS (Intelligent Driver Information System)
Navigatore satellitare
Schermo touchscreen a colori da 9″
Sensori di parcheggio posteriori
Servosterzo

Poi ho capito la connessione delle mie sinapsi…
La prestazione. La fottuta prestazione.
Ho fatto di tutto, tranne essere felice, per potermi dire che anche io riuscivo ad essere così prestante e quindi vivere di conseguenza.
La prestazione che la società e la cultura ci richiedono è basata su pilastri quali:

  • forza fisica
  • resistenza
  • massima produttività
  • resilienza
  • passività
  • sottomissione
  • perfetto stato di salute.

Ora, chiunque mi conosce da meno di tre minuti si rende perfettamente conto che io non ho nessuna di queste caratteristiche. No, questo non è esatto: le ho sviluppate a modo mio, in una mia versione, che non corrisponde in niente, manco lontanamente, al modo egemone di intenderle. La prestazione egemone che mi viene richiesta è per me impossibile da portare avanti. M’infrango, somatizzo, mi arrabbio, devo obbligatoriamente prendere le distanze, manco completamente li obiettivi.

Attraverso il libro di Erika ho capito, finalmente. Come posso, io, vivere una vita attraverso elementi, assetti, costruzioni e aderenze a valori, comportamenti e richieste che non mi appartengono, che spesso mi disgustano, e che non posso.voglio soddisfare in nessun modo? Non c’è corrispondenza fra quello che la società mi richiede e quello che io posso restituirle.
La prestazione egemone richiede presenza costante, iperproduttività, nessuna assenza consentita, nessun disturbo fisico che non sia trattabile con una bomba di aspirina, antipiretico e sciroppo (tutto il resto è malattia e non serve ai fini produttivi).
C’è anche un altro tipo di prestazione, quella relazionale, che invece prevede: costanza, presenza, attenzione massima, generosità, obbedienza cieca ai desideri dell’Altro, ascolto, accoglienza, resilienza, libido eternamente alta, assertività, verità e trasparenza, salute, allegria, energia per fare miliardi di cose sempre diverse per non annoiarsi, voglia di viaggiare…
Non si può neanche così, credo. Almeno non io. Troppo per una sola persona.
Chi mi conosce adesso da almeno quattro minuti sa che per me non è possibile mantenere la prestazione relazionale (fra partners, amiche.amici.amic*, membri di una famiglia) così come è concepita e costruita, come ci obbligano a viverla e a performarla.
Così ho deciso di cambiare completamente focus e comprendere davvero quale sia la mia via per abbandonare la prestazione egemone.
Chi è accanto a me dal primo di gennaio (o da prima) sa che spesso non posso essere presente, che mi accade sovente di mancare agli appuntamenti, che non posso esserci anche quando desidero fortemente stare, partecipare, presenziare. In questo mese e mezzo ne ho sofferto brutalmente, poi ho deciso di raccontare con onestà quello che stava accadendo intorno a me, dentro al Sanatorio, come affettuosamente ormai lo chiamo io, e le persone della mia rete affettiva hanno compreso. Io manco, spesso. E sono vulnerabile. Sono vulnerabili, ognuno-a-* a proprio modo, anche le persone che compongono le mie famiglie e quelle che fanno parte della mia rete affettiva. Lo sono tutte. Perché sono donne (in tutte le loro narrazioni), perché portano nel mondo narrazioni differenti (LGBTIA e queer), perché sono precarie o disoccupate, perché sono non-comforming, perché sono malate, perché sono senza casa, perché sono senza supporto familiare. Tutti-e-* noi siamo animali vulnerabili.

Ci ho messo una vita a capire che vulnerabile non è sinonimo di fragile.

cover
La cover del libro di Erika Irusta, “Diario de un cuerpo”, pubblicato da Catedral

Erika ha scritto le più belle pagine sulla vulnerabilità degli animali umani che abbia mai letto nella vita. Ne traduco una pagina affinché possiate leggerla anche voi, nella speranza che venga tradotto in italiano questo libro formidabile.
Ecco le parole di Erika:

“Un corpo vulnerabile è un corpo con possibilità di essere vulnerabilizzato. Mentre un corpo normativo è un corpo con capacità di vulnerabilizzare. I corpi vulnerabili sono di molti colori. I corpi normativi sono di un solo colore. Uno dei principali tratti dei corpi vulnerabili è che sono corpi definiti, questo è: scritti e letti dai corpi che comandano e regolano (corpi normativi). Questi ultimi stabiliscono la norma e intorno ad essa danno vita alle politiche: la politica dei corpi. La Norma è invisibile, funziona come l’ultimo strato sommerso di un iceberg. La normalità è quello che crediamo di vedere. L’abbietto, il vulnerabile, è ciò che rimane occulto.
In realtà siamo noi corpi vulnerabili che sosteniamo la norma. Questo è uno dei nostri dolorosi paradossi. Aspiriamo alla norma perché la vita fuori da questa ci pone in una situazione di vulnerabilità. Nessuno(a-*) vuole essere vulnerabile. In ogni caso è “meglio” avere la possibilità di vulnerabilizzare. Per questo finiamo con l’essere educate (i-*) ad essere protette (i-*) dalla norma e per aspirare a sfiorare il potere che dà il sentirsi all’interno di essa. Potere che non è altro che una macabra illusione perché i corpi vulnerabili non potranno mai ostentare il potere dei corpi normativi. Non dentro questa norma, la loro Norma.
[…] I corpi normativi sono morti. In loro non esiste breccia attraverso la quale respirare. Sono morti, finiti. Sono così detti che al pronunciarli si spaccano la bocca. Al contrario, i corpi vulnerabili respirano attraverso la ferita. La ferita li mantiene in vita. Terribile paradosso nuovamente. Sono vivi solo perché sono sensibili alla morte.”

Alla prossima gente! 😉

Annunci

IL DIRITTO (NEGATO) ALLE COCCOLE…

(A Frida, in memoria)

Ci sono corpi che vengono lasciati indietro, praticamente sempre.
Corpi “non conformi”, forse neppure tanto normati.
L’incredibile e merdosissima campagna riguardante il Body Shaming si è ormai diffusa a macchia d’olio sul web (e non solo, ahimè!) e concerne, per dirla in parole povere, nel prendere per il culo tutte le persone, o meglio, i loro corpi, che non vengono scolpiti da 80 ore di palestra settimanale o che non passano attraverso la bacchetta magica di Photoshop. Se non sei una dea alta un metro e ottanta con misure pressoché incompatibili con la vita terrestre o se non sei un uomo che non deve chiedere mai con addominali plurimi e molteplici, allora hai qualcosa che non funziona. Non vai bene ed il tuo destino sarà quello di vivere in un eremo dove sesso e desiderio ti verranno sottratti così, ad cazzum.
Smagliature, cellulite, cicatrici, peso corporeo, peluria? Ohmioddddddiocheorroreinsopportabile! Non sia mai che non somiglio a quell’attrice o a quell’attore, a quell’atleta o a quella cantante… che disonore tremendo vivere con il mio “normale” corpo umano, quale vergogna, quale onta insuperabile. Per cortesia!

Bene, vorrei affrontare oggi, tanto per non deludere i miei-le mie followers, un nuovo argomento impopolare, come sempre fra quelli di cui scrivo, tanto per mantenere una coerenza.impopolare intellettuale a cui vi ho abituat*: la sessualità delle persone disabili (sì, potrei dire diversamente abili, ma anche qui, bla bla bla, disabile nel senso rivendicativo.queer del termine eccccccc…. dai, tanto già lo sapete!).
Tatatatatatatatatatannnnnnnnnnnnnnn…
Noooooooooooooooooo, la sessualità e la disabilità nooooooooooooooo!!!!!!!!! Arrestate ‘sta pazza!
Ma le persone disabili non sono simili agli angeli, asessuali e asessuati? Manco per sogno! Non dirmi che c’hanno istinti sessuali pure loro? Te lo dico, invece! Se non bastasse te lo grido pure in piena faccia. Ma quindi pure loro desiderano fare sesso? Ma dai! Incredibile amici ed amiche, abbiamo scoperto l’acqua calda! E rilancio pure con: hanno un corpo desiderante!

1
Nooooooooooo, boh raga, con questa frase mo’ inizia una rivoluzione! Magari…
Coccole, presenza dell’Altro, desiderio, contatto umano, erotismo, sensualità… il pacchetto completo!
Solo che… e qui c’è un “solo che” grande come una casa, il desiderio sessuale, no, diciamolo bene, la sessualità.sensualità.erotismo delle persone disabili è ancora, in ‘sto Belpaese de mmm……rda, un assoluto tabù.
Facciamo un esempio pratico: se un bio.uomo desidera viversi la propria sessualità ha diverse opzioni:

1. Viversela da solo attraverso la masturbazione
2. Viversela con una compagna o con un compagno (qualora viva una relazione monogama) o con gli pare (qualora viva una vita con un approccio poliamoroso o anarchico.relazionale)
3. Accostare l’auto allo sbocco della Tangenziale o nelle strade cittadine in orario notturno ed usufruire dei servigi delle persone che svolgono un lavoro sessuale.

Ora elenchiamo le reali possibilità che una bio.donna o un bio.uomo con una disabilità hanno di potersi vivere la propria sessualità:

1. Se la disabilità (e dipende sempre a quale tipo di disabilità facciamo riferimento) non è grave o non è invalidante magari si riesce ad arrivare alla masturbazione
2. Se la persona ha un* compagn* o partner sessuale può viversi desideri e fantasie con un briciolo di autonomia
3. Ricorrendo alle prestazioni di lavoratrici o lavoratori sessuali (ma spesso questa via non è percorribile per tutta una serie di difficoltà oggettive).

Sottolineo, per non lasciare un non.detto, che non si può parlare di una sola “narrazione disabile”, bensì di molteplici narrazioni, infinite narrazioni, tutte differenti, che comprendono un mondo.universo sterminato.
Non sono riconosciute, in Italia, figure professionali quali l’assistente sessuale, come invece accade in altri Paesi europei. Non sono il nostro equivalente di lavoratrici del sesso per persone disabili, sono invece persone formate appositamente per far fronte a difficoltà specifiche e di vario genere (fisiche.psicologiche.logistiche.emotive) che possono presentarsi al momento dell’approccio con la persona che richiede il servizio.
Alcune volte, per le famiglie delle persone disabili la sessualità di figli e figlie, fratelli e sorelle, è un aspetto difficile da affrontare, troppo delicato, talvolta messo da parte per mancanza di strumenti umani o affrontato con enormi disagi. Diciamo che ci si arrangia alla meno peggio. Ci si arrangia…
Frida La Rossa, amica mia disabile ma prima di tutto bio.donna dotata di grande e magnifico desiderio.erotismo, davanti all’abbandono legislativo di uno Stato cieco, alla solitudine umana e all’isolamento fisico dovuto da un contatto costantemente negatole, ricorreva agli annunci, spesso incappando in tipi sinistri poco raccomandabili o a tizi che poi volevano soldi a cambio, magari non richiesti in un primo momento. La frustrazione e la rabbia che Frida ha dovuto subire e vivere costantemente per un tabù sociale e per una non legittimazione ad esistere della sua sessualità, e prima del suo corpo, sono stati devastanti. Da essere creatrice non volontaria del proprio desiderio, è passata ad esserne vittima, con scarse possibilità di vivere una sessualità, con l’Altro, anche solo minimamente umana.accogliente.dignitosa.

2

Quello che ho compreso è che c’è una sessualità di serie A ed una di serie B, secondo una società binaria ed arbitraria. Se hai un corpo che secondo la vox populi va bene, allora hai diritto alla sessualità, sennò te ne stai fuori dai giochi. Mammamiacherabbiapoderosa!

Per fortuna qualcosa si muove, anche se mooooooooooooooooolto lentamente.
Vi lascio un po’ di materiale qui sotto, così quando avete voglia gli date un’occhiata con calma:

https://abbattoimuri.wordpress.com/2014/04/24/donna-disabile-e-non-voglio-amore-eterno-voglio-sesso-a-pagamento/

https://abbattoimuri.wordpress.com/2014/04/24/donna-disabile-e-non-voglio-amore-eterno-voglio-sesso-a-pagamento/

https://abbattoimuri.wordpress.com/2014/04/24/donna-disabile-e-non-voglio-amore-eterno-voglio-sesso-a-pagamento/

http://www.yeswefuck.org/

http://www.comune.torino.it/pass/informadisabile/servizio-disabilita-e-sessualita/

Per grazia umana, e non divina, qui ci sono persone che stanno facendo grandi cose e che stanno portando fuori il tema con passione, dedizione, con un’onestà intellettuale ed un coraggio che manco i leoni della Savana…
Il progetto messo in piedi da Max Ulivieri è questo:

http://salute.ilmessaggero.it/storie/disabili_sesso_love_giver-1266367.html

Muoviamo, fra tutti noi ominidi, un po’ ‘sto abaradan, che qui si parla di diritti umani e civili. Diritti umani e civili, mica parliamo di fagioli con le cotiche!

A.A.A. A tutte le persone ignare di tutta questa epocale faccenda che stanno leggendo questo post:

Non so se vi è giunta voce, anche da lontano eh, nella vostra magnifica Neverland dove non esistono i poveri, i disabili, i pazzi e gli invertiti (cioè noi!), che pure la sessualità è un diritto FONDAMENTALE non secondo a nessuno. Non solo una personalissima, normatissima e accettata socialmente sessualità ed unico tipo di corpo sono primari, bensì tutte le sessualità e tutti i corpi lo sono e valgono uguale. E qui vi si aprirà forse un mondo nuovo, pieno di strane creature… potete ignorarle, fare finta che si sia trattato di un brutto sogno e tornare al letargo offerto da Morfeo o decidere di riflettere, almeno per un secondo, su questo tema.

3

Piantiamola con ‘sto malsano ed ipocrita binarismo corporeo.sessuale dell’io valgo più di te perepepepepe (questa è una pernacchia grafica, ma forse non rende come ho sperato, ma avete capito lo stesso) perché ho il corpo migliore del tuo e non sono disabile. Echissenefrega se un* non è disabile, teste di menta che siamo tutt* quanti all together!, rendiamoci conto che TUTTI i corpi sono fighissimi e diversi fra loro e menomaleviviaiddio!
Io c’ho il soffio al cuore, la cellulite e la cifosi, le extrasistole e le smagliature+pelle moscia nell’interno cosce dovuta a dimagrimento che non si può vedere, tutta nel mio non sono, eppure ho il diritto di vivermi rispettivamente corpo.sessualità.sensualità.erotismo.emotività.relazioneromantica un po’ come mi pare che tanto mamma non mi dice niente figurarsi lo Stato, invece Frida questo diritto non ce lo ha avuto, non glielo hanno mai concesso, perché? Perché stava seduta su una testarossa a quattro ruote? Madooooooo raga, benvenut* nell’Alto Medioevo!

Non può esserci distinzione fra diritti, se siamo tutti esseri umani con le medesime necessità, istinti, volontà, multi.desideri. Non si può proprio sostenere un mondo dove una persona non ha il diritto di entrare in contatto con il proprio corpo e con quello dell’Altro, essere coccolata, stare bene con se stessa e con i propri desideri e sperimentarli, fare l’amore, praticare il buon sesso, copulare, ditelo come vi pare, che ce semo capit*!

I diritti sono per tutt*, per tutt*, non per tutt* meno per qualcun*. Cerchiamo di farcelo entrare in testa, please!