CORPO ESPULSIVO

Il testo fa riferimento al corpo della donna biologica o che ha subito un’operazione di riassegnazione del sesso, non per discriminare alcuna altra narrazione vivente, ma semplicemente perché nel testo si fa riferimento a precise dinamiche e condizioni fisiche e biologiche.

Un corpo che accoglie, quello della donna. Anche quando non vuole.
Un corpo che accoglie, per poi donare dal nulla, figl* al mondo.
Un corpo che accoglie la sessualità dell’Altro. Anche quando non vuole.
Un corpo che accoglie testimonianze, lamentele, abbracci e baci non richiesti, genitali non suoi e non voluti, parole a fiume dentro le orecchie spinteci a forza. Anche quando non vuole.
Un corpo che usa un linguaggio comprensibile, feroce nell’immediatezza, eppure costantemente frainteso, rimasto inascoltato, riempito di ogni sovradeterminazione possibile.

L’accoglienza è donna, questo potrebbe essere un aforisma, se non fosse già uno stereotipo misogino, eteropatriarcale e non corrispondente al vero.
Il lavoro di cura è quasi ed esclusivamente svolto globalmente dalle donne, anche se negli ultimi anni si è notata un’apertura nei confronti di una accettazione degli uomini (biologici e non) in questo ambito. Per fortuna, ce n’era un gran bisogno!

Sono una bio-donna e nella vita sono stata obbligata a farmi carico di: lavori domestici, lamentele varie ed eventuali da parte di ogni tipo di persona, confidenze non richieste, carezze.baci.abbracci.palpeggiamenti non graditi e non richiesti ma che l’Altro si sentiva autorizzato magnanimamente a dispensare senza chiedermi il consenso e solo perché gli andava, pratiche sessuali di accoglienza quando non mi corrispondevano in momenti di sessualità improbabile, parenti.amiche.amici.partners.sconosciuti che si sentivano male o non erano in condizione di prendersi cura di se stess*, ed una lunga lista di eccetera.

Si è sempre dato per scontato che il corpo della donna sia nato per accogliere, per ricevere.
Viviamo in una società basata e tarata su questo concetto: l’accoglienza-ricezione della donna, fra l’altro con una certa passività che non scandalizza più nessun*, donne comprese.
L’elenco delle azioni che misurano il grado di passività sono davanti agli occhi di tutt*, e proprio perché sono così evidenti, divengono impossibili da riconoscere.
In ordine sparso: posizioni sessuali (missionario e a 90°, sesso orale e anale in modalità di ricezione fa le pratiche sessuali più diffuse e conosciute di sempre); posizioni e strumenti imposti durante le visite mediche (ginecologiche in primis) e posizioni imposte durante il travaglio ed il parto.

1
Foto di Ramona Zordini

Credo ci sia stato, e ci sia ancora oggi, un tremendo malinteso che riguarda il corpo della donna. Questo malinteso si è dato probabilmente da una mera lettura del numero di orifizi capaci di accogliere il corpo dell’Altro e non sulla lettura di ciò che il corpo della donna fa costantemente, ovvero espellere. Mi riferisco ai liquidi, signore e signori.
Il corpo di un uomo espelle lacrime, urina, feci, liquido seminale e prostatico. Il corpo di una donna espelle lacrime, urina, feci, liquido prostatico, mestruo, ma anche latte materno, il nascituro o il feto, a seconda dei casi e delle scelte.
Qui la matematica è semplice. L’espulsività del corpo della donna è evidente.
Tutta l’accoglienza che si va narrando e mitologizzando da millenni, è basata quindi non su una lettura reale del corpo della donna, quanto sul numero di cavità del corpo nelle quali l’Altro può entrare per trovare piacere e godimento.
Se l’accoglienza-ricezione è misurabile in base alle cavità e non in base ai liquidi (che spesso sono stati nascosti in quasi tutto il corso della storia della Medicina, si veda liquido prostatico femminile), allora possiamo dire che mani e piedi uniti, seni, inguini (si veda, fra le altre, la pratica masturbatoria chiamata Muffing) sono tutte potenziali cavità in cui trovare piacere, e queste cavità sono ricreabili in tutti i tipi di corpi umani.

Un ‘esperienza poco gradevole ma neppure così drammatica è quando una donna si ritrova, per una ragione o per l’altra, a dover utilizzare ovuli vaginali: la risposta del corpo è chiara, e non è una risposta di accoglienza. Il corpo scioglie ed espelle il più rapidamente possibile ciò che è entrato, per tornare ad una condizione normale.

Ramona-Zordini-6
Foto di Ramona Zordini

Perché scrivere di questo? Perché questa idea che l’accoglienza-ricezione appartenga alle donne ha delle conseguenze sociali, culturali, fisiche ed emotive enormi e davvero poco felici.
Ho già scritto sopra riguardo all’obbligo di assolvere il lavoro di cura nella stragrande maggioranza dei casi solo per il fatto di essere nate con una vagina e dei lavori domestici imposti da generazioni a bambine solo per il fatto di esserlo, a discapito di essere attività svolgibili da ogni essere umano con il pollice opponibile e mediamente sano.
Una delle questioni che per me sono evidenti è l’esasperazione da contatto: donne sposate, fidanzate o che vivono ogni tipo di relazione, sopportano costantemente baci, abbracci, effusioni, palpeggiamenti non voluti e non richiesti solo perché i o le partners ne hanno voglia. Tanto è una donna, mi accoglie, mi riceve. Io le voglio dimostrare il mio affetto, il mio amore o la mia passione, posso farlo, lo faccio.
Chiaramente non desidero essere io, ora, ad esasperare questa riflessione: non parlo di qualcosa che si desidera da entrambe le parti e dove c’è il completo consenso e la piena gioia nel ricevere tali effusioni, ovviamente, ma di una costante e ripetuta colonizzazione dell’Altro da un punto di vista fisico che non è voluto o richiesto o sopportabile.
Il collegamento che si fa fra donnità e cura, obbliga tantissimi uomini biologici e non (e tutte le altre persone che non si considerano né uomini né donne), a dover rinunciare a lavori che invece potrebbero svolgere al meglio semplicemente perché non hanno il “genere o sesso giusto”.
Sono assolutamente convinta che questa sia una forma doppiamente discriminatoria: nei confronti chi non vuole svolgere lavori e compiti di cura e li svolge sulla base dell’imposizione del sesso o del genere, e nei confronti di chi li vorrebbe svolgere ed è tagliato fuori per le medesime ragioni.

3

Ultimo tema, l’esasperazione da performance.
Un corpo obbligato a rispondere in un certo modo a determinati stimoli sessuali-culturali-emotivi-sociali, ad essere come gli si richiede pena la squalifica sociale-culturale-emotiva-sessuale, non può essere un corpo felice, sano.
Parlo di Corpo obbligato quando parlo di un corpo obbligato ad essere nella norma rispetto a quanto che gli viene richiesto (l’accoglienza obbligatoria e perenne); un corpo obbligato ad esistere dentro le leggi che lo determinano in quanto tale perché deve corrispondere a determinate specificità di risposta; un corpo obbligato a manifestarsi come ci si aspetta, come deve farlo secondo le regole.
Un corpo obbligato è un corpo obbediente, beneducato, indottrinato, addomesticato nel migliore dei modi; è un corpo che non resiste, che non reclama, che non sovverte le regole, che non dà fastidio a nessuno perché è innocuo.
Un corpo obbligato eseguirà gli ordini, da buon soldato quale è, anche a discapito della sua stessa integrità ed incolumità.
Un corpo obbligato è un corpo pericoloso per la felicità, poiché la boicotta, la distrugge, la elimina.
Il corpo obbligato non è più corpo, è involucro di dinamiche che non gli appartengono, è contenitore di regole che lo regolano attraverso una regola non sua.

Un corpo obbligato non è più un corpo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...