INVISIBLE Q, INVISIBLE A

Ma anche: “la solitudine dei numeri Queer e Asessuali“…
Sabato 23 gennaio, Torino, piazza Carignano, ore 15.30, un fottiiiiiiiiiiiiiio di gente. #svegliatitalia… fin qui tutto bene. Bandiere a destra e pure a manca, arcobaleni come se piovessero da un cielo lgbti impressionista, figata mostruosa. Freddo, ma anche chissenefrega, siamo a gennaio, non è proprio del tutto inaspettato.
Comunque, come sono andate le cose lo sapete tutt* perché se ne è luuuuuuuuungamente parlato in tutti i tiggì regionali e nazionali, per cui vi evito la telecronaca minuto per minuto dell’evento. Basta con il dirvi che i discorsi di chi è intervenuto erano brillanti, da brrrrrrividone lungo la schiena, moralmente granitici. Bello bello bello.
2
Io ero presa benissimo, nel giusto mood per lasciarmi ispirare, per sentirmi un po’ un’eroina moderna dei diritti civili che manco Martin Luther King, affascinata da questa strana accozzaglia di persone di tutti i tipi di orientamenti conosciuti e non, e poi il batori (che sarebbe l’anti-satori, cioè l’anti-illuminazione): ringraziamenti per le persone lgbti e per le persone etero intervenute alla manifestazione. Lgbti ed etero… mo’, non vorrei fare polemiche sterili che cascano a sproposito, ma una cosa fatemela dire, o meglio, scrivere: ma non è che se vi ricordate di ringraziare, o anche solo di citarne l’esistenza umana, delle persone asessuali e queer, noi ci offendiamo. Davvero, non ci offendiamo per nulla, anzi!
Dato che le persone queer a livello sociale-culturale e politico non esistono, perché l’applicazione della Teoria Queer alla vita reale non sembra essere stata adottata da nessuna creatura umana italiana che non siamo o io o il mio compagno, mi chiedo a quale spicchio di invisibilità possiamo attribuire il nostro Q-stemma. E ne vogliamo parlare, poi-anche-magari-eventualmente, delle persone asessuali? Esistono anche loro, sissignore! Sono molte e rappresentano diverse e magnifiche sfumature di umanità, mammiaquante!, delicatezza, erotismo alternativo e pensieri interessantissimi. Sono loro, secondo me, le persone che rappresentano il vero 2.0 della resistenza anti-eteropatriarcale-pornografi(c)a.
3
Tramite FB ho conosciuto virtualmente alcune persone asessuali magnifiche e ‘sta cosa ve la devo proprio dire: sono fighissime! Violenza verbale: 0. Aggressività sessuale: 0. Accoglienza: 10. Voglia di condividere e raccontarsi onestamente: 10. Mi hanno anche dato una dritta epocale (che mi risolve mooooooooolte cose!) su uno dei miei molti orientamenti passati e presenti: sono una persona queer demisessuale. Cosa vuol dire “Demisessuale”? Cercate la parola, dizionario alla mano!
Perché dentro quello che possiamo chiamare “orientamento asessuale” c’è tutto un macro-mega universo-mondo. Seeeeeeeeeeeeee, pensavate che bastasse questa parola, asessuale, a definire tutte le persone che per una ragione o per l’altra non hanno interesse ad avere relazioni sessuali. Nonono! C’è di più, moooooooooooooooolto di più, ed io sto cominciando a informarmi e a studiare questi sotto-orientamenti (lo so, questa espressione fa cagare, ma consigliatemene voi una migliore, please!) e sto scoprendo il mmmmmondo.
Amici ed amiche lgbti ed etero, vi faccio un appello sentitissimo: ci siamo anche noi queer e asexual people, e nel mio e nel di altr* caso siamo pure entrambe le cose… La prossima volta, dato che insieme a voi stiamo sostenendo una battaglia di civiltà sacrosanta che riguarda tutt* noi in quanto esseri umani senzienti, doverosa e in ritardo di mille anni, fateci amici! 🙂
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...