NON E’ UN PAESE PER QUEER (PEOPLE)

Un satori sulla via di Damasco, la settimana scorsa. Videos su temi vari made in youtube, presentazioni, studi a destra e a manca e mi rendo conto di una cosa così banale da risultare imbarazzante: video porno, completini sexy, sexy toys ed una luuuuuuuuuuuuuuuuuuuunga lista di prodotti che TEORICAMENTE dovrebbero essere destinati a madame bio e non… sono stati partoriti da menti maschili e pensati per il SOLO desiderio maschile e secondo la mentalità maschile. Come dire?, anche nei sexy toys per il gentil sesso, il macho (neanche troppo ferrato in materia di biologia e piacere dell’altr’Altra) ci mette il suo zampino. Quindi il fallo finto (un esempio su tutti, ma potrei trovarne a miliardi) non è tanto per la lei a cui è destinato come la lei in questione lo vorrebbe, quanto piuttosto è come il macho pensa che lei lo desideri secondo la  propria personalissima lettura eteropatriarcale del desiderio femminile secondo, tra l’altro, una visione abbastanza (concedetemelo, sapete che ho ragione almeno su questo) pornografica (youporn docet!).
5
Crescete, c’avete n’età!
Ah, un consiglio agggratis per quant* se lo stanno chiedendo: l’interno del corpo di una persona nata con una vagina non è un tunnel casuale, non è un buco oscuro dove inserire alla cieca la qualunque e neppure un cilindro da riempire un po’ come capita. Fateci ‘sto sacrosanto favore: informatevi e prendete appunti sul funzionamento, anche solo meccanico se non ce la fate ad arrivare ad altro, di un corpo che sente profondamente, che reagisce, che pensa, che ricorda e, tenetelo bene a mente, fa paragoni con le esperienze passate, occhio!
Non sono una grande frequentatrice di sexyshop, ma l’altro giorno, entrandoci, ho visto una sfilza di oggettini davvero interessanti… di stampo assolutamente eteropatriarcale, ovvio.
1
Adesso, persone LGBTIQ solleviamo la questione: davvero gli oggetti venduti in un sexyshop ci corrispondono? Copricappezzoli argentati, falli grandi come divani, maschere di carnevale che dovrebbero risultare erotiche… la nostra sessualità dentro il desiderio erotico quanto è vicina ad essere soddisfatta da questi articoli? Onestamente, apriamo un dibattito.
Vorrei comprendere se questa alienazione è solo mia, per cui vedo roba di stampo eteropatriarcale in quasi tutti gli oggetti che ho in casa e che vengono venduti nei negozi, oppure se anche voi sentite che qualcosa non suona dritto.
Questo transitare mi fa anche transitare in luoghi della mente percettiva assolutamente inaspettati: mai ho dato peso oppure osservato i toys sessuali prima. Mai avevo osservato che la maggior parte dei vestiti pensati per le donne sono immettibili perché non tengono conto di naturali curve, incavi, forza di gravità e di una lieve forma di decenza che sembra ormai introvabile come il Sacro Graal.
Questo non è un Paese per donne, né per persone che non possono essere (odddiotiringraziooooo!) inserite a forza nella magnificente categoria “uomo-donna etero”. Non è un Paese che per maschi alfa biologici, etero, bianchi e di media cultura tendente al basso. Questo non è un Paese Queer e non lo sarà mai.
Alle battaglie vane sono abituata, si va avanti con allegria!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...